Turismo e terremoto: perché parlarne in un momento in cui molti marchigiani non hanno più una casa? – parte 3

Perché ogni calamità naturale ha un impatto economico negativo, oltre che sociale, da dover rallentare grazie ad una riprogettazione consapevole. E perché il turismo è la materia prima dell’Italia: aiuta infatti ad una ripresa economica solo a seguito di una riprogettazione intelligente, seguendo tra gli altri anche modelli esteri.

Lo spiega bene la Dott.sa Elena Gatti nella sua tesi, laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Settori industriali differenti presentano infatti reazioni diverse a shock estremi come i disastri naturali ed i tessuti industriali diversificati al loro interno mostrano di reagire meglio a questo genere di eventi rispetto ad economie più semplici composte da un solo tipo di industria.

In particolare, secondo gli studi del Prof. Ilan Noy “economie con alti livelli di export sono in grado di fronteggiare meglio gli shock della domanda nel periodo post disastro e risultano maggiormente inclini al ricevere importanti aiuti internazionali per la ricostruzione”. Le piccole economie però risultano comunque le più deboli, e possono fronteggiare il disastro con un innalzamento del capitale umano, vale a dire investendo in competenze di vario genere per la ricostruzione e rivalutazione.

Conclude la Dott.sa Gatti, “là dove l’ossessiva ricerca di ‘crescita’ emerge come sacro obiettivo delle nazioni, i disastri naturali non trovano spazio perché hanno l’intrinseca forza di riportare indietro le lancette del tempo, provocando perdite e bloccando lo sviluppo. Il profondo legame tra territorio e società non ha mai cessato di esistere ma, anzi, si è manifestato in moltissime occasioni, ricordandoci quanto è fondamentale per la nostra sopravvivenza e il nostro sviluppo”.

Chiudo con una frase del Prof. S. M. Hoffman, che lascia ampio spazio alla riflessione.

In un certo senso i disastri naturali sono come esperimenti per vedere come le popolazioni e le società reagiscano a cambiamenti improvvisi e drammatici. Nel caos che si crea durante un disastro, tutto viene trasformato. I ritmi normali di una persona si interrompono e la cosa essenziale diventa sopravvivere e proteggere la famiglia. Vengono rivelati numerosi aspetti diversi delle nostre società una volta che la polvere del disastro si è posata e si cerca di ripartire.


Sfoglia i precedenti articoli sull’argomento:
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...