NOI Suoniamo colpisce ancora: è online il nuovo inedito sul Terremoto

Una nuova canzone che parla di territorio, delle Marche e della volontà di continuare a vivere le sue bellezze. Una canzone di appartenenza culturale e territoriale, un brano che vuol valorizzare e diffondere il patrimonio dell’entroterra.

Colpisce ancora il gruppo di NOI Suoniamo, la band solidale di Tolentino (MC) che ha da poco creato un album a seguito di un percorso di condivisione e creazione musicale, gratuito ed aperto ai ragazzi adolescenti della città.

Ritorno da Cristiano Profeta, portavoce del gruppo, con qualche altra domanda su questa nuova iniziativa creata per Pasqua 2017.


Bentornato Cristiano!

Grazie!

Come sta andando l’album Io Credo in Te? Vi aiuta nella raccolta fondi?

Siamo molto contenti dei risultati dell’iniziativa, ci stanno arrivando aiuti di ogni tipo soprattutto dal nord Italia: ci ha aiutato tanto la nostra appartenenza a NOI Associazione e la pubblicazione dell’articolo da parte di Avvenire, soprattutto a livello informativo. Siamo sinceramente grati a tutte le persone che, pur non conoscendoci, si stanno interessando alla nostra situazione. Una meraviglia.

Dopo il debutto di Io Credo in Te di questo Natale, per Pasqua hai attivato una nuova iniziativa. Come si chiama? E di cosa tratta?

Pubblicheremo un video associato ad una nuova canzone dal titolo “La mia vita è qui”, il tutto dedicato agli sfollati a causa del terremoto, a tutte quelle persone che non vogliono abbandonare il proprio paese, la propria terra.

La canzone inedita è accompagnata anche da uno splendido video che racconta di un territorio fiorente. Come mai la scelta di non mostrare le tante immagini del disastro?

L’idea ci è venuta pensando che da mesi veniamo bombardati con immagini dei nostri paesi distrutti e che tanti italiani hanno imparato a conoscere i nostri paesi attraverso quelle immagini, ma non hanno idea di come fossero prima del terremoto, di quanto fosse bella la nostra terra prima del sisma. Ecco, abbiamo pensato di colmare questo vuoto, di mostrare i nostri paesi belli come lo erano prima, sperando che tornino ad esserlo il prima possibile. In più, abbiamo scritto questa canzone semplicemente per dire che “la nostra vita è qui e non ce ne vogliamo andare“.

Qual è la massima aspirazione di questa nuova iniziativa? Con quale intento l’hai portata avanti?

Solo quello di mostrare come vogliamo che torni ad essere la nostra terra. La massima aspirazione e che tutti gli sfollati possano tornare al più presto nei loro paesi, perché la gente sta soffrendo tantissimo, in modo particolare gli anziani.

Anche qui, sono diversi i ragazzi coinvolti nello sviluppo del singolo. Come prosegue l’attività di Noi Suoniamo?

Questa volta, a differenza del precedente lavoro, sono stati in pochi i ragazzi coinvolti, perché da quando ci è venuta l’idea abbiamo avuto pochissimo tempo per scrivere e arrangiare la canzone e preparare il video. Era impossibile portare tutti in sala prove a registrare parti che avrebbero dovuto prima imparare. Potevamo pubblicare il lavoro più in là ma ci teniamo tantissimo a pubblicarlo il giorno della Santa Pasqua, perché speriamo che un giorno si possa gioire anche per un’altra “resurrezione”, quella della nostra terra.

Grazie Cristiano. Sembra proprio che ormai questo sia solo un “arrivederci” con le prossime iniziative.

E’ sicuramente un arrivederci, promesso.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...